sabato, gennaio 16, 2016

Si alza il sipario! #1

Lo so, è da una settimana che non ho postato nulla sin dalla mia prima recensione dell'anno. Sono stata impegnata con l'uni e sono incasinata più che mai. Se pensate che questa sia qualcosa di nuovo, beh vi sbagliate. Infatti, è la versione aggiornata di nome e con l'aggiunta di gif della mia rubrica LOL: Comiquotes
Siccome la lettura va molto a rilento, ho deciso di far ricorso a questo simpatico angolo che avevo accantonato da un bel po'. Bene, senza ulteriori indugi, vi auguro buone risate o almeno ci ho provato! :D

SKETCH 1
<<Poi mi faccio coraggio e inizio a salire le scale che portano in cima all'aula. Perché ho l'impressione di stare percorrendo un girone dantesco al contrario? Nelle prime file parevano essere sedute tutto sommato le persone più normali, mentre avanzando gli studenti si sono fatti più inquietanti. Quindi, se uno più uno fa ancora due, quello seduto in alto è il peggiore di tutti>>.
L'amore non è mai una cosa semplice - Anna Premoli

SKETCH 2
...andammo dritte dall'addetta alla ricezione.
<<Salve.>> La donna ci sorrise come fosse una bambina e noi fossimo Babbo Natale e il suo assistente elfo. Aveva una macchia di rossetto su un dente.
La nostra ultima canzone - S. K. Falls

SKETCH 3
<<Che significato ha il sole?>> chiesi.
<<Ed ecco che al quarto drink arriva la domanda esistenziale>>.
Rebel. Il deserto in fiamme - Alwyn Hamilton

mercoledì, gennaio 06, 2016

Splintered - A.G. Howard

Buon 2016 cari followers! É il mio 23o compleanno e mi beccherò anche la calza delle Meraviglie (tanto per essere in tema). Ed eccomi qui con la prima recensione dell'anno!
Come cominciare in bellezza i 366 giorni con una straordinaria e originalissima lettura. Tradotto in Italia come Il mio splendido migliore amico, questo romanzo della Howard mi ha in tutto e per tutto conquistata. Ricordo che l'avevo adocchiato moltissimo tempo fa, ma dimenticata di segnarmelo. Per fortuna, con la challenge dei retelling l'ho potuta ritrovare *^*
Editore: Newton Compton
Pagine: 384
Prezzo: € 9.90
Se l'avessi persa per sempre, non me lo sarei mai perdonata. Dico così perché questo libro è pura magia. E' entrata nelle mie viscere e non credo uscirà facilmente. E' un romanzo che ti cattura dall'inizio fino alla fine. L'inserimento dell'Arte e l'amore che la giovane prova nei suoi confronti me lo ha oltremodo fatta amare ancor di più. Nonostante la nuova atmosfera dark che potrebbe benissimo rientrare tra i film di Tim Burton, Splintered rimane comunque fedele al classico di Lewis Carroll. Si impara altrettanto tantissimo!
Preparatevi perché, questa amici miei è quello che si definisce una vera e propria avventura!
Gli elementi ci sono tutti. Una protagonista la cui indole curiosa la porterà a ricredersi e ad affrontare un viaggio all'insegna della scoperta di ciò che si è e delle proprie capacità, accompagnata dall'onnipresente voce della coscienza e ragione. Che altro? Accettare la partita con tutte le sue regole, considerare i pro e contro della possibilità di sopravvivenza, e continuare ad avanzare di sentiero in sentiero.
Una storia ricca di ironia, sarcasmo, enigma, assurdità e romanticismo, ma nell'insieme un concentrato di adrenalina alternativa. I personaggi sono veramente ben caratterizzati, le emozioni espresse e le descrizioni dei paesaggi e meccanismi dettagliate conferiscono in qualche modo un'atmosfera intima tra queste figure, con le altre presenze e gli ambienti circostanti. I lettori vengono muniti di gadgets che possono usufruire quanto i due adolescenti; nel tentativo di rimettere tutti i puzzle al loro posto. Ogni cosa ha un suo significato che va letto tra le righe. Non saprai mai davvero a chi dover porre la tua fiducia. Ci sono talmente parecchi e continui colpi di scena, inserite strategicamente, che non puoi far altro che rimanere incollata alle pagine per sapere come gli eventi si svolgeranno e concluderanno. C'é poi un'ordinario triangolo amoroso ma non le persone affette. Quindi, da una parte l'immancabile migliore amico Jeb, un ragazzo dalla personalità dolce, attenta e fraterna; dall'altra abbiamo l'incorreggibile e incantatore Morpheus, una creatura dal carattere misterioso, rivoluzionario e appassionato.
Alyssa è divisa tra questi due cuori e soltanto attraverso la permanenza nel Paese delle Meraviglie troverà le risposte ai suoi dubbi.

Valutazione
Meritatissime farfalle! Vorrei poter sfogare tutto ciò che so su questo libro ma probabilmente mi farei scappare uno spoiler o anche finire per raccontare tutta la storia :Y
Non so se aspettare l'uscita italiana o rileggerla in inglese e così tornare alle vicende di Allie e magari vedere un approfondimento del mio OTP *-*

mercoledì, dicembre 30, 2015

L'amore non è mai una cosa semplice - Anna Premoli

Salve bellezze! Oggi condividerò cosa penso del new adult della Premoli; genere da cui mi ero distaccata da parecchio.
Mi mancava di leggere del mondo reale, qualcosa di romantico e dato che c'ero ho optato anche per l'ambiente universitario da universitaria che sono (sì vabbeh, non importa a nessuno).
Generalmente l'ho trovato molto carino, a tratti persino originale e sviluppato. Quello che non sono riuscita ad apprezzare è stata la caratterizzazione della protagonista Lavinia Ferrari. L'ho trovata forse troppo stereotipata psicologicamente, per nulla coerente con quello che dice, al contrario della controparte maschile, Sebastiano Marconi. Sicuramente per questo, l'autrice ha tentato di giocare appunto l'elemento a suo favore e validando la teoria degli opposti che si attraggono di cui la trama è basata (esperimento riuscito!).
Editore: New Compton
Pagine: 320
Prezzo: € 9.90
La storia è tutta focalizzata su questo alieno progetto intrauniversitario tra ingegneri informatici e economisti (in cui a quanto pare non può esistere forma di connessione).
Il personaggio di Seb non era certo ciò che mi aspettavo e mi ha piacevolmente sorpresa (buyaaah!). Un soggetto come lui non l'avevo ancora incontrato e sono felice di aver fatto la sua conoscenza in questo titolo un po' scontato e che purtroppo dice il vero.
Lui è quello che mi ha colpito di più, mi ha permesso di vestire i suoi panni, di più. Leggere del suo lato geek me lo ha fatto amare e ispirato ancora di più (credo di essermi innamorata ). Scusate la mia insistenza, ma questo tipo è veramente qualcosa DI PIÙ. In realtà anche la condizione da 'indecisa cronica' di Lav (in particolare cosa ne sarà di me dopo la mia carriera universitaria, non lo so) rappresenta un fattore cruciale corrente nella mia vita. Lo confesso, mi sento ancora allo sbaraglio 
Come dicevo, Lav e Seb sono esattamente agli opposti.

ferrari wangan midnight ferrari testarossa
Eccone qui l'esempio. Lav è una sfrecciante Ferrari (eheheh). Seb è quella sopraffatta e adorabile Nissan Micra. Bene, lei nel tempo si dimostra una persona impaziente complice l'effetto che Seb ha su di lei. Lavinia è praticamente stregata dal modo di porsi, di pensare e di esprimersi di Sebastiano che inizia a covare affetto per lo strano ragazzo anche tra i più strani. Non sono una fan e nemmeno mai visto Star Wars e le citazioni ad hoc da parte di Seb mi hanno influenzato non poco. Per non parlare delle sue magliette da nerd. Voglio cominciare a collezionarle! Che dire poi dei suoi dialoghi?! Ho bisogno di uno spin-off tutto suo!
In conclusione sinceramente, sebbene entrambi si evolvano durante la storia, ho ritenuto molto più credibile quella di Seb (aridaje, quante volte l'avrò nominato ahaha). Certo, non si notano chissà quali gesta da telenovelas come quella inscenata da Lavinia ma difatti è in lui che ho scorso più maturità. Ho straparlato abbastanza, perciò vi lascio al verdetto :)

Valutazione
 e un 

Che ne pensate? Lo avete trovato un buon romanzo anche voi?
Alla prossima e felice anno nuovo! :*

giovedì, dicembre 24, 2015

BUON NATALE E BUONE FESTE!

Due parole ma cariche di significato. Trascorrere il periodo natalizio qui con voi, tra vari eventi e solo stare in vostra compagnia mi ha dato la forza per non demordere e continuare a sognare.
Spero tanto di essere riuscita nel mio intento, durante l'iniziativa Sotto l'Albero di Natale 2.0 riproposto da Mel e Mys, di donare più sorrisi possibili.
Vi auguro un felice e serenissimo Natale e buone feste!

Con amore la vostra,
Stephanie
cliccate sul coro per entrare nell'atmosfera natalizia in questo post 

mercoledì, dicembre 23, 2015

Rebel. Il deserto in fiamme - Alwyn Hamilton

Editore: Giunti
Pagine: 272
Prezzo: € 17
Buondì miei cari lettori! Oggi vi parlo di una recente uscita e a quanto pare un'anteprima mondiale edita dalla Giunti che è riuscita ad aggiudicarne i diritti. Ebbene, sto parlando del libro della Hamilton, Rebel. Il deserto in fiamme. La trama mi ha colpita proprio perché l'autrice propone una nuova location, fresca. Non esattamente nel senso letterale, visto che il romanzo è ambientato in un deserto! In aggiunta, c'è da dire che sapeva di esotico e io adoro inoltrarmi in vicende che sono caratterizzate da civiltà antiche e da un po' d'adrenalina che già traspare dall'immagine. In particolare, ho potuto incontrare dei ruoli di cui non avevo ancora letto (salvo eccezione dell' assassina della Maas). Ero stata ispirata anche per il fatto che la cover mi ricordava la locandina cinematografica di Prince of Persia. E poi andiamo, chiunque leggerebbe a scatola chiusa la storia celata da quella copertina! Ti conquista al primo sguardo e forse merito anche per quegli occhi blu. Questo colore si rivelerà un tratto somatico che renderà la protagonista un target motivo di discussione. Beh, il suo personaggio è tutto ciò che rappresenta un'eroina del genere, insicura ma intraprendente, astuta, abile e con un talento che è venuto a svilupparsi durante la sua infanzia, in questo caso: un'infallibile cecchina. Ahimè, tra le caratteristiche non può mancare la stupidità. Rispettando i canoni, Amani rifletterà su quanto accade e maturerà nel corso del romanzo. Inizialmente, lei tenterà infatti di dare una svolta alla sua esistenza partecipando in veste di ragazzo ad un torneo che si tiene nell'arena di Deadshot. Come in tutti i fantasy (in realtà in tutti i libri), l'avvenimento/l'incontro fatuo si svolge durante il grande evento. Puntualmente, Amani si accorgerà che tra gli altri concorrenti ce n'è uno che attira la sua attenzione, un forestiero di nome Jin. Ecco che quindi partono le domande mentali sul soggetto; concludendo che tutto sommato non si può negare sia un tipo attraente e ben piazzato (ovviamente). Nemmeno Amani è stata risparmiata in quella che chiamo 'non l'avrei mai detto' psicologia. Hamilton avrebbe potuto omettere certe constatazioni.
I due finiranno per attraversare l'enorme distesa di sabbia che separa la destinazione tanto agognata da Amani e in cui lei spera di costruirsi un nuovo scopo. Purtroppo, l'accoppiata dovrà far fronte alle creature categorizzate come Primi Esseri, i Gul, mostri notturni che abitano il deserto.
Stremati, Amani e Jin riescono a giungere alla meta: un'oasi che mai la nostra eroina avrebbe lontanamente immaginato potesse esistere. Sarà da qui che le scene d'azione avranno maggior presenza. Lo credevo un libro autoconclusivo. Il cliffhanger che la scrittrice ha lasciato intendere è stato grandiosamente studiato per invogliare il lettore quanto basta a continuare l'avventura nel svelare i misteri in sospeso e pertanto restare in compagnia dei protagonisti.

Valutazione
Sono proprio curiosa di sapere come la storia andrà a concludersi :D
A voi che l'avete recensito, lasciatemi pure il post che andrò a dare un'occhiata ^___^
Invece, per chi non l'avesse ancora fatto, vi ho convinti almeno un pochino?! :]